Come capire se il cane ha un’allergia alimentare

Come capire se il cane ha un’allergia alimentare

Proprio come negli umani, di recente le allergie alimentari nei cani sono diventate più riconosciute e studiate: ma come fare a sapere se il nostro cane ne ha una? Ecco alcune cose che è interessante sapere su questo tema.

Qual è la differenza tra un’allergia alimentare e un’intolleranza?

Il termine allergia alimentare è usato per descrivere una condizione diagnosticata dal veterinario in cui i sintomi che affliggono il cane sono malattie della pelle, disturbi gastrointestinali.  L’allergia alimentare si verifica nel cane come reazione del suo sistema immunitario all’ingestione di un tipo particolare di alimento.

L’intolleranza alimentare, a volte viene confusa con l’allergia alimentare: essa invece descrive qualsiasi reazione al cibo (ad esempio, un alimento contenente un alto livello di grassi) e non include necessariamente un’allergia. Il più delle volte, un’intolleranza causa solo disturbi di tipo gastrointestinale.

Come faccio a sapere se il mio cane è allergico?

Quando un cane ha un’allergia alimentare, può vomitare o avere diarrea o avere un’infiammazione della cute, che gli causa delle eruzioni visibili. La reazione allergica di tipo anafilattico pericolosa per la vita, osservata quando alcuni umani mangiano alimenti specifici (come le noccioline o i frutti di mare) non è stata quasi mai osservata nei cani.

Gestire il prurito della pelle del cane può essere frustrante. La condizione può svilupparsi a qualsiasi età, quando il cane è un cucciolo o quando il cane è già adulto o anziano. I sintomi possono comprendere il prurito, l’arrossamento della pelle nelle zone vicino alla testa, alle orecchie, alla base delle zampe o in altre parti del corpo.

La presenza di pulci e altri fattori ambientali possono complicare le cose, e la pelle impiegherà più tempo dell’apparato digerente per rispondere ai cambiamenti di una nuova dieta. E’ importante gestire la fase di terapia del cane insieme al proprio veterinario e seguire scrupolosamente le sue indicazioni.

Quando è necessario cambiare l’alimentazione del cane?

I cani che soffrono di allergia alimentare o intolleranza alimentare devono essere nutriti con un’alimentazione specifica, che eviti tutti gli ingredienti che possono provocare una reazione avversa. Le allergie alimentari sono difficili da diagnosticare, poiché spesso comportano alimentazione pulita – priva dell’allergene che scatena il problema – per almeno sei settimane, il che è comprensibilmente una sfida se in questo periodo il cane riceve dolcetti o altri premi di allenamento.

Mentre potrebbe non essere chiaro se un cane stia vivendo un’intolleranza o un’allergia alimentare, è sempre bene ricordare che il cibo appropriato è la risposta; perciò si tratta di essere pazienti e scrupolosi nell’evitare qualsiasi extra nell’alimentazione.

I nostri veterinari nutrizionisti hanno predisposto un calcola cibo che, mediante il facile inserimento dei dati fondamentali, offre il calcolo del fabbisogno energetico del cane (espresso in chilocalorie) e la dose ottimale di alimenti da dargli quotidianamente. Mongrel lo mette a disposizione gratuita dei propri utenti. Dopo averlo utilizzato, riceverai anche una serie di consigli mirati sulle caratteristiche del Tuo cane.

VAI AL CALCOLATORE

Una vita sana ed una alimentazione equilibrata garantiscono al tuo Cane una vita lunga e felice. Sai di quante chilocalorie ha bisogno il tuo cane? Calcola GRATIS il suo fabbisogno energetico e la sua dose ottimale per tenerlo sempre in forma ed in salute!

Come funziona un test alimentare?

Il test alimentare (detto anche food trial) si fa nutrendo il cane con un’alimentazione a base di nuovi ingredienti: questo significa che all’animale diamo cibo mai mangiato prima, al quale non può essere allergico. Alcune diete a base di cibi pronti sono pensate appositamente per includere solo ingredienti molto rari e specifici. Ad esempio, Mongrel ha elaborato una linea di alimenti grain free in crocchette che prevede l’utilizzo di carni pregiate quali il salmone, l’anatra, o l’agnello, e del tutto priva di cereali.

In alternativa, l’alimentazione del cane può prevedere proteine ​​idrolizzate da utilizzare nel periodo di test. In questo caso gli ingredienti sono stati sottoposti a un processo di semplificazione che rende la loro composizione più assimilabile e meno adatta a creare una reazione immunitaria nel cane (ciò che accade, per l’appunto, quando è presente un’allergia alimentare).

Il nuovo regime alimentare deve essere mantenuto per sei-otto settimane senza aggiunta di altri alimenti, e garantendo al cane dell’acqua pulita per dissetarsi. La diagnosi sarà confermata se il prurito migliora durante la prova con i nuovi alimenti, e se poi si ripresenta quando viene introdotto l’alimento che ha scatenato l’allergia – potrebbe essere una proteina alla quale il cane si è sensibilizzato, per esempio il pollo. Se invece i sintomi che includono prurito e dermatite, non migliorano durante la dieta di privazione l’allergia è da escludere.

Se viene confermata un’allergia alimentare, la soluzione è semplice: il cane deve evitare tutti gli alimenti che provocano prurito alla pelle e altre reazioni. Di solito ciò significa che Fido dovrà attenersi a una dieta ipollergenica per il resto della vita. Ciò può sembrare noioso, ma assicura all’animale una vita in salute e priva dei problemi menzionati.

Ci sono razze più suscettibili di altre alle allergie alimentari?

Alcune razze – come ad esempio il pastore tedesco, il dalmata, il labrador, il golden retriever, il boxer, il cocker spaniel e anche alcuni incroci –  hanno mostrato di essere predisposte alle allergie alimentari.  In questi casi c’è un fattore genetico ereditario che rende il cane più incline a sviluppare le allergie a particolari tipi di alimenti.

La causa sembra derivi da una compromissione del modo in cui la pelle e o l’intestino costituiscono una barriera efficace contro l’ambiente, ma i ricercatori stanno ancora lavorando sui dettagli di questi difetti genetici ereditari.
L’approccio migliore è quello di garantire a Fido un’alimentazione sana e bilanciata, in modo da attuare un atteggiamento preventivo verso i problemi ai quali il cane può risultare predisposto.
Per i cani che hanno manifestato forme di allergia alimentare o di intolleranza, i nostri veterinari hanno formulato gli Alimenti Grain Free in crocchette e quelli BIO umidi. Sono tutti Alimenti monoproteici ipoallergenici, completi e bilanciati, perfettamente adatti per una dieta ipoallergenica.


Scopri gli Alimenti Grain Free


Recommended Posts

Leave a Reply