Come spazzolare il gatto adulto a pelo lungo o corto

Come spazzolare il gatto adulto a pelo lungo o corto

Spazzolare un gatto non solo aiuta a tenerlo pulito, eliminando la pelle morta e il pelo in eccesso dal suo manto, ma aiuta a rimuovere gli eventuali nodi di pelo e stimola la circolazione sanguigna, migliorando la condizione generale della sua pelle. Una o due spazzolate alla settimana aiutano il gatto a mantenersi sano, e rafforzano il nostro legame con lui, dandoci l’occasione di spendere del tempo insieme. Anche se il gatto è perfettamente in grado di badare a sé stesso, per quanto riguarda la sua igiene, questa pratica semplifica il suo lavoro quotidiano e diventa ancora più utile quando il gatto è anziano, e non è più facilmente in grado di curare la sua igiene come da giovane.

Manto e pelle sani

Prima di spazzolarlo, controlliamo le condizioni generali del pelo del gatto. Se è in buona salute, il pelo è naturalmente lucido e non dovrebbero restare peli sulla nostra mano quando lo tocchiamo, a meno che non si trovi in un momento in cui sta rinnovando la pelliccia. Non ci dovrebbero essere zone calve, segni di parassiti come pulci e zecche, e la pelle deve essere priva di ferite o insolite sporgenze.

Spazzolare il gatto a pelo corto

Con un pettine, accarezziamo il gatto dalla testa alla coda, in modo da rimuovere piccoli detriti e peli morti. Assicuriamoci di seguire la direzione naturale che il pelo ha sulla pelliccia, infatti lisciarlo contropelo è per il gatto una sensazione poco piacevole, in quanto il manto viene sollevato e messo in disordine. Spazzoliamo il gatto facendo una zona per volta: dalla schiena possiamo passare all’addome, e al petto. Rimuoviamo con cura eventuali nodi di pelo. Nel caso di un gatto a pelo corto, l’operazione risulta di solito abbastanza agevole, priva di particolari difficoltà.

Spazzolare il gatto a pelo lungo

Il gatto a pelo lungo che vive in appartamento con noi, alla luce artificiale e con il riscaldamento, cambia il pelo a primavera, e ha bisogno di qualche giorno di cura, per eliminare i peli morti e ed evitare il formarsi di grovigli nel pelo. Iniziamo con l’addome e le zampe del micio, pettinando delicatamente la pelliccia verso l’alto, verso la sua testa. Pettiniamo anche la pelliccia del collo verso l’alto, verso il suo mento. Se verifichiamo la presenza di qualche nodo, cerchiamo di utilizzare le dita per dividerli. Possiamo anche cercare di ammorbidirli con del borotalco, stando attenti che il gatto non lo ingerisca. Un taglianodi per i nodi più difficili può essere estremamente utile, mentre nei casi più complicati è necessario l’intervento del veterinario.

Controllo della pelle e del pelo del gatto

Le sessioni di toelettatura settimanale sono utili per prendere in esame la cute del gatto e scoprire eventuali ferite, protuberanze, e come detto i nodi o grovigli (più frequenti e delicati da trattare, nel micio a pelo lungo). Ci aiutano a scoprire la presenza di pulci – che lasciano caratteristiche macchie nere dovute al sangue secco, in seguito al loro morso – e altri parassiti. Un esame della coda nella zona dell’ano può farci scoprire condizioni patologiche, dovute ad esempio alla tenia, o residui di feci sulla coda che possiamo aiutarlo a rimuovere.

Talvolta il gatto può soffrire di problemi della pelle che non dipendono dalla presenza di parassiti. Se il gatto si graffia, si lecca eccessivamente, mostra gonfiori sotto la pelle, e presenta vaste zone di perdita di pelo, potrebbe trattarsi di allergie o intolleranze alimentari che andranno diagnosticate con certezza dal veterinario.
Non è raro scoprire la presenza di boli di pelo verificando se il gatto li espelle con il vomito oppure attraverso le feci. In questi casi, la spazzolatura regolare del suo manto aiuta a prevenire la loro formazione.

 Un’alimentazione appropriata e bilanciata

Sia nel gatto con allergie alimentari che negli esemplari che non hanno particolari problemi, un’alimentazione sana, completa e appropriata alle condizioni di salute è la migliore risposta per tenere in forma la pelle e il pelo del micio. È necessario fornire al gatto un cibo che abbia tutti i nutrienti necessari a idratare la pelle e renderne liscio e lucido il pelo. La grande cura con cui il gatto fa toelette da sola non è sufficiente; mentre risulta importante che il gatto abbia a propria disposizione sufficiente acqua fresca.

I nostri nutrizionisti consigliano per il tuo gatto le crocchette Mongrel Grain Free Salmone e Patate Dolci Kg 2. È un alimento completo e bilanciato, 100% grain free, ideale per i gatti che hanno manifestato problemi di allergie o intolleranze alimentari. L’apporto proteico di grande valore sviluppa la massa muscolare a discapito di quella grassa, mentre le verdure presenti assicurano vitamine, fibre e Sali minerali nella giusta quantità. Gli oli di pesce come Omega 3 e Omega 6, inoltre, mantengono sana la pelle e lucente il pelo del tuo Gatto.


Scopri l’Alimento


Recommended Posts

Leave a Reply