La coccidiosi nei gatti

La coccidiosi nei gatti

La coccidiosi è un tipo di infezione parassitaria, causata dal parassita Coccidia. Di solito causa nel gatto diarrea acquosa. Se non curata, nel tempo può causare danni al rivestimento del tratto intestinale di un gatto. Con una terapia appropriata e tempestiva, le possibilità di guarigione sono buone.

Sintomi

Il sintomo principale di un’infezione da coccidi nel gatto è, dicevamo, la diarrea acquosa con presenza di muco. La diarrea con presenza di sangue vivo, e l’incapacità di controllare la defecazione diventano più evidenti con il progredire dell’infezione; dopo avere contratto i parassiti nell’intestino il gatto potrebbe diventare debole e febbricitante, con sintomi aggiuntivi quali il vomito e la perdita di peso. La disidratazione è una conseguenza importante di episodi reiterati di diarrea e vomito, e può diventare in fretta una seria complicazione, perciò è importante quanto prima segnalare la situazione al veterinario. Tra i sintomi della coccidiosi, vanno annoverati anche i disturbi neurologici, con possibilità di tremori e disordini cognitivi.

I tipi di coccidi che infettano i gatti sono: Isospora felis e Isospora rivolta (le infezioni più comuni); I Sarcocystis e Toxoplasma gondi che genera la toxoplasmosi; l’epatozoon.

Le cause della coccidiosi

Essere in un ambiente con altri animali infetti è la causa più comune di quest’infezione. Generalmente essa si diffonde attraverso le feci, ma alcuni coccidi possono essere trasportati anche attraverso l’ingestione di animali che fanno da vettore del contagio, come ratti, topi e uccelli. La coccidiosi può anche essere trasmessa da mamma gatto alla sua cucciolata e ai gattini, se avviene un contatto con materia fecale, per via della curiosità e tendenza dei piccoli a esplorare l’ambiente e a ingerire facilmente per curiosità corpi estranei. L’infezione da coccidiosi è particolarmente pericolosa per i gattini, dal momento che il loro sistema immunitario è ancora sottosviluppato.

Diagnosi

L’esame delle feci è il metodo più affidabile nella diagnosi di un’infezione da parassiti. I coccidi sono facilmente individuabili dal veterinario attraverso un esame di laboratorio al microscopio.

Terapia

La terapia generalmente non richiede ricoveri, a meno che il soggetto non sia debilitato e disidratato a causa della diarrea. In questi casi, viene trattenuto alcuni giorni nella clinica veterinaria e posto in osservazione. I farmaci che vengono somministrati al gatto sono molto efficaci e agiscono nel giro di qualche giorno. A una o due settimane dall’inizio del trattamento, di solito si esegue una visita di follow up per verificare che i parassiti intestinali non siano più presenti nell’organismo del gatto.

Stile di vita

È necessario seguire con attenzione le prescrizioni del veterinario, e verificare costantemente lo stato di salute del gatto nel periodo di ripresa dalla malattia.  La cura e l’igiene del gatto sono molto importanti, perciò bisogna assicurarsi che gli spazi dedicati a lui siano e l’ambiente in cui vive non presenti rischi per nuove infezioni.

Fornire al gatto un’alimentazione sana bilanciata e completa, ricca di tutti gli ingredienti di cui il suo organismo ha bisogno, aiuta il micio a mantenersi in forma e vivere più a lungo. Tutti gli Alimenti della linea Bio sono monoproteici, totalmente privi di conservanti, coloranti ed appetizzanti, spesso fonti di intolleranze alimentari. Le ricette prevedono l’utilizzo di elevatissime percentuali di carne o di pesce, abbinate ad ingredienti che garantiscono l’apporto vitaminico, di fibre e di minerali di cui ha bisogno il Gatto. Tutti gli Alimenti sono gustosi e adatti anche ai palati più esigenti, cotti a vapore per mantenere integre le loro proprietà organolettiche.


Scopri gli Alimenti BIO


Recommended Posts

Leave a Reply