La giusta quantità di cibo per il cane

La giusta quantità di cibo per il cane

La quantità di cibo da fornire al cane per la sua alimentazione, varia a seconda della sua età, della sua attività fisica, nonché del tipo di cibo che sta mangiando. Come regola generale, i cani giovani bruciano più calorie, quindi hanno bisogno di una quantità di cibo maggiore, più ricca di proteine e grassi. I cani più anziani, invece, essendo meno attivi, richiedono meno calorie per restare in salute.

I nutrizionisti e i veterinari, ritengono che l’approccio più affidabile per nutrire un cane, sia quello di fornirgli una quantità ragionevole di cibo, e di monitorare costantemente il suo peso corporeo. In ciò, la tabella del body fat index (indice di grasso corporeo del cane) può essere un valido supporto.  Quando tocchiamo l’animale nei fianchi, dovremmo riuscire a sentire facilmente le costole. Se ciò non è possibile, probabilmente il cane inizia a essere in sovrappeso, e bisognerà somministrargli una quantità minore di cibo.

Le tabelle nutrizionali e la quantità di cibo

Le linee guida per l’alimentazione, riportate nelle tabelle nutrizionali, elencano quasi sempre la quantità di cibo da dare al cane, in relazione al suo peso. Si tratta però d’indicazioni molto generali, che vanno sapute adattare al contesto. Spesso, seguire in maniera troppo rigida tali indicazioni, spinge a nutrire il cane con razioni eccessive di cibo. Partire dalle quantità di cibo prescritte nelle tabelle nutrizionali, ma monitorare costantemente le condizioni del cane attraverso il body fat index (l’indice di grasso corporeo), è più corretto e prudente.

La quantità di cibo giusta per il cane, in relazione alla taglia e all’età

Anche se può sembrare poco intuitivo, la prima regola a cui attenersi per decidere la giusta quantità di cibo da fornire al proprio cane, è che i cani di taglia più grande, richiedono meno cibo per chilo di peso corporeo, di quanto invece richiedano i cani di piccola taglia.  Le esigenze nutrizionali del singolo cane, poi, variano in relazione al suo stato di salute, al livello di attività praticata, e alla sua età.

Eccovi alcuni consigli per adattare la dose giornaliera di cibo alle diverse fasi di vita del cane.

Cuccioli: i cuccioli di cane vengono generalmente alimentati con il cibo solido, dopo tre o quattro settimane di età, e possono dirsi completamente svezzati dal latte materno, alle otto settimane. In linea di massima, i cuccioli richiedono un’alimentazione più ricca di proteine ​​e altri nutrienti rispetto a un cane adulto; in questo modo possiamo sostenere la loro normale crescita, e il loro sviluppo.

I cuccioli più giovani (dai due ai quattro mesi d’età) devono essere nutriti almeno tre volte al giorno – alla mattina, al mezzogiorno e al tardo pomeriggio – fino a che il loro fabbisogno nutrizionale di cibo, per chilogrammo di peso, non inizia piano piano a calare, a mano a mano che maturano. Verso i cinque o i sei mesi, il numero dei pasti giornalieri può scendere a due, nell’arco di un giorno.

Se il nostro cucciolo è schizzinoso, possiamo aggiungere dell’acqua tiepida al cibo secco, per incoraggiarlo a mangiare. Tra gli alimenti da evitare nella dieta del cane, quindi anche del cucciolo, c’è il latte vaccino. Può agire come lassativo sia in un cucciolo che nei cani adulti; inoltre il cane è intollerante al lattosio. Perciò non aggiungiamo latte alle sue crocchette per ammorbidire il cibo, se non in quantità davvero piccole. Se il cucciolo non mangia il cibo che gli abbiamo messo entro un’ora, mettiamo da parte la quantità non consumata.

La quantità di cibo con cui alimentare un cucciolo varia a seconda delle sue dimensioni, della sua attività e degli stimoli dell’ambiente intorno. Rendere il cucciolo troppo grasso, può portare come conseguenza anomalie ossee e altri problemi nella sua salute. Anche in questo caso, dobbiamo avere cura di monitorare il livello di grasso sottocute; se ci rendiamo conto che le costole sono troppo evidenti, aumentiamo la dose di cibo delle sue porzioni. Quando siamo indecisi, inoltre, è sempre bene chiedere aiuto al veterinario.

Il cane adulto: quando il cane ha un anno d’età, si dice che ha raggiunto la maturità ed è entrato in un periodo di cosiddetto mantenimento (dal punto di vista alimentare). Questo significa che le sue esigenze nutrizionali rimarranno pressappoco le stesse per alcuni anni, a meno di un cambio nel regime di attività fisica praticato, o che non sopraggiungano problemi di salute. Durante il periodo della maturità del cane, il peso tende a stabilizzarsi, e il suo corpo assume proporzioni ben definite (risulta sempre utile eseguire l’esame fisico del cane attraverso la palpazione delle costole, per comprendere appieno la situazione). In un cane normopeso, di età adulta, dobbiamo riuscire a sentire le sue costole al tatto, sotto un lieve strato di grasso.

Come per un essere umano, l’appetito del cane può variare nel corso del tempo, e portarci da situazioni in cui dobbiamo gestire il suo senso di sazietà, ad altre in cui il cane ha una visibile perdita d’appetito. A meno che quest’ultima situazione non persista nel tempo, e mostri altri sintomi quali la perdita di peso, non abbiamo motivo di preoccuparci. Variazioni periodiche nell’appetito del cane possono essere del tutto normali.

Il cane adulto attivo: Una moderata attività fisica è essenziale per tutti i cani: li aiuta a mantenersi in forma e a vivere più a lungo. Tuttavia, alcuni cani, come accade fra gli esseri umani, possono essere maggiormente dediti al movimento, ed essere impiegati dai padroni in varie discipline sportive (canicross, agility dog, ecc.)

Se il nostro cane è particolarmente attivo – fa jogging con noi, corre regolarmente, o è coinvolto in altre attività sportive – il suo fabbisogno energetico sarà maggiore di un cane sedentario della stessa età. Anche il cane attivo, nel periodo invernale o quando, a causa di un infortunio, come una distorsione o uno stiramento, sospende la sua attività, necessita di meno cibo. In questi casi, gli esperti raccomandano di ridurre gradualmente la quantità di cibo, e di passare a un cibo meno calorico.

I cani più attivi non devono essere nutriti immediatamente, prima o dopo, un intenso allenamento. Questo può causare problemi digestivi (vomito e feci molli) e può aumentare il gonfiore gastrico, una condizione dolorosa e talvolta pericolosa per la vita del cane, chiamata torsione dello stomaco.

Il cane attivo può fare un pasto leggero al primo mattino, e la maggior parte della quantità di cibo gliela dobbiamo fornire un’ora dopo o anche più tardi, della sua ultima sessione di allenamento. Possiamo, tuttavia, dare al cane piccoli spuntini durante il giorno, per alleviare la sensazione di fame, e non farlo sentire troppo affaticato. Assicuriamoci che si possa di tanto in tanto riposare, e lasciamogli sempre vicino a disposizione una ciotola d’acqua fresca.

Il cane anziano: come per un essere umano, le esigenze nutrizionali di un cane cambiano con il passare del tempo. In particolare, con il passare degli anni il fabbisogno energetico si riduce, perciò il cane anziano non dovrebbe consumare la stessa quantità di cibo che riceveva quando era più giovane. In questo caso, è bene scegliere alimenti più leggeri e digeribili, che affatichino meno l’apparato digerente del cane. Un cane sedentario, ormai anziano, tende a guadagnare peso velocemente; anche in questo caso ci tornerà molto utile un esame corporeo dell’animale, verificando sempre il grasso sottocutaneo, ed è importante la gestione ottimale di eventuali patologie sorte con gli anni.

I nostri veterinari nutrizionisti hanno predisposto un calcola cibo che, mediante il facile inserimento dei dati fondamentali, offre il calcolo del fabbisogno energetico del cane (espresso in chilocalorie) e la dose ottimale di alimenti da dargli quotidianamente. Mongrel lo mette a disposizione gratuita dei propri utenti. Dopo averlo utilizzato, riceverai anche una serie di consigli mirati sulle caratteristiche del Tuo cane.

VAI AL CALCOLATORE

Una vita sana ed una alimentazione equilibrata garantiscono al tuo Cane una vita lunga e felice. Sai di quante chilocalorie ha bisogno il tuo cane? Calcola GRATIS il suo fabbisogno energetico e la sua dose ottimale per tenerlo sempre in forma ed in salute!

Recommended Posts

Leave a Reply