L’alimentazione del gatto sterilizzato

L’alimentazione del gatto sterilizzato

Sono diversi i motivi che inducono una persona a far castrare un gatto maschio o a sterilizzare una femmina. Innanzitutto, grazie a questa operazione si riduce il rischio che si sviluppino  tumori. Sentendo meno l’esigenza di allontanarsi da casa (cosa che si verifica, invece, quando l’animale può andare in calore) e riducendo, di conseguenza, i confini di quello che considera il suo territorio, diminuiscono per il micio le possibilità di contrarre delle malattie letali (ad esempio la FELV e la FIV). Inoltre, la pipì di un maschio risulta meno “pungente” e vengono scongiurate le lotte con altri gatti per cercare di contendersi una micia.

È importante chiarire che la sterilizzazione non ha una diretta correlazione con l’aumento di peso; provoca, però, delle modifiche dal punto di vista ormonale che, senza la giusta attenzione da parte del proprietario, possono portare l’animale ad avere qualche chilo in più. In particolare, negli anni successivi all’operazione il metabolismo tende a rallentare, con un accumulo dell’energia che non viene consumata. Il micio tende anche a diventare più pigro e a domandare quantità maggiori di cibo.

Fortunatamente, sul mercato è presente una vasta gamma di alimenti specificamente formulati per gli esemplari sterilizzati. Si caratterizzano per la presenza di un elevato tenore di proteine ad alto valore biologico, come quelle di uova, pesce e pollo. Allo stesso momento, l’alimentazione del gatto sterilizzato è meno calorica; per tale motivo la percentuale di grassi e di amido risulta limitata. È importante che i grassi non siano esclusi dalla dieta, anche se devono risultare proporzionati agli altri ingredienti.

Per aumentare il benessere del gatto sterilizzato, è fondamentale che il cibo sia in grado di garantire un adeguato apporto di fibre vegetali. Le fibre risultano essenziali per permettere ai gatti di evacuare i peli deglutiti nel corso della normale toelettatura, evitando la formazione dei boli di pelo. Gli alimenti per gatti sterilizzati di buona qualità, presentano anche antiossidanti per prevenire l’invecchiamento cellulare e salvaguardare gli organi del felino. Il grado di acidità, invece, previene le patologie che possono colpire l’apparato urinario, oltre ai calcoli. Calcio e fosforo devono essere presenti in maniera equilibrata; il calcio, infatti, in mancanza del secondo può compattarsi nelle vie urinarie portando a formare dei calcoli.

Per quanto riguarda la scelta tra cibo umido e secco, il primo si caratterizza per una minore percentuale di grassi, oltre ad avere un livello maggiore di umidità induce nel gatto sterilizzato un maggior senso di sazietà, rispetto ad un’alimentazione esclusivamente a base di croccantini. È possibile somministrare solamente cibo secco, ma occorre sceglierlo di ottima qualità, preferibilmente somministrandolo  in piccole quantità più volte al giorno. Nel caso in cui si scelga di fornire unicamente croccantini, è importante che il gatto abbia sempre una ciotola di acqua fresca a disposizione.  

I nostri veterinari nutrizionisti hanno predisposto un calcolatore di cibo che, mediante il facile inserimento dei dati fondamentali, offre il calcolo del fabbisogno energetico del gatto (espresso in chilocalorie) e la dose ottimale di alimenti da dargli quotidianamente. Mongrel lo mette a disposizione gratuita dei propri utenti. Dopo averlo utilizzato, riceverai anche una serie di consigli mirati sulle caratteristiche del Tuo micio.

VAI AL CALCOLATORE

Una vita sana ed una alimentazione equilibrata garantiscono al tuo Gatto una vita lunga e felice. Sai di quante chilocalorie ha bisogno il tuo gatto? Calcola GRATIS il suo fabbisogno energetico e la sua dose ottimale per tenerlo sempre in forma ed in salute!



In particolare, il gatto sterilizzato ha bisogno di una dieta con un basso contenuto di grassi e minerali, che lo mantenga sano e in forma. Ti consigliamo di scoprire sul nostro shop le Crocchette per Gatti sterilizzati di Mongrel, gli ingredienti di alta qualità, rendono quest’alimento appetibile anche ai palati più esigenti. E’ caratterizzato da un limitato apporto calorico, un basso contenuto di minerali (il gatto sviluppa facilmente calcolosi delle vie urinarie) e fornisce l’apporto ottimale di proteine e grassi. Le Vitamine A e C, svolgono un’importante azione di prevenzione dell’ invecchiamento cellulare, le vitamine del gruppo B preservano il sistema nervoso del gatto e la Vitamina E aiuta a mantenere efficiente la sua vista. Gli acidi grassi Omega 3 e Omega 6 svolgono una funzione antinfiammatoria e mantengono in salute la pelle ed il pelo.


Scopri l’Alimento


Recommended Posts

Leave a Reply